Statistiche web

Video test Yamaha XSR900 GP

I nostri Beppe Cucco e Marco Gualdani ci raccontano in video le impressioni di guida della Yamaha XSR900 GP, una moto che coniuga la tecnologia del telaio Deltabox e del motore CP3 di 890 cc da 119 CV con linee e colorazioni delle moto da corsa che hanno fatto la storia della Casa di Iwata

1/29

Eccoci alla prova della nuova Yamaha XSR900 GP 2024. Derivata dalla XSR900 lanciata nel 2021, questa GP coniuga la tecnologia del telaio Deltabox e del motore CP3 tre cilindri di 890 cc da 119 CV con linee e colorazioni delle moto da corsa che hanno fatto la storia, come la 500 di Wayne Rainey. Il cupolino dalle forme tipiche degli Anni 80 è fissato al telaio da una struttura tubolare e al posto del largo manubrio della XSR900 qui troviamo due mezzi manubri, per una posizione di guida decisamente più sportiva. La piega dei manubri non è eccessivamente bassa e la sella è più imbottita per garantire un discreto comfort nell’utilizzo stradale. Le pedane sono regolabili su due altezze, il perno di sterzo è in alluminio e il telaio è stato irrigidito nella zona anteriore, per dare più precisione e stabilità.

Dedicati alla guida sportiva anche le sospensioni completamente regolabili (con compressione alle alte e basse velocità) e la pompa radiale Brembo anteriore. Non mancano tre riding mode Rain, Street e Sport (più due personalizzabili), strumento TFT da 5”, piattaforma inerziale e cambio elettronico bidirezionale (l’elettronica è di derivazione R1!).

Ma per tutti i dettagli di questo modello vi rimandiamo al nostro articolo di presentazione; ora godetevi il video della nostra prova, realizzato dai nostri Beppe Cucco e Marco Gualdani.

© RIPRODUZIONE RISERVATA