La Germania vieta gli avvisi “anti autovelox”

In Germania tutti i sistemi che offrono avvisi sulla presenza dei rilevatori di velocità devono essere disattivati, in quanto diventati illegali. Vietate anche le notifiche “anti autovelox” su smartphone da Google Maps e app simili. Per chi sgarra è prevista una multa

1/19

Nel bel mezzo del lockdown imposto dalla pandemia di Coronavirus il consiglio federale tedesco ha apportato una serie di modifiche al codice della strada del paese. Una delle norme che più ha fatto discutere è quella che mette al bando tutti i sistemi che avvisano chi è alla guida della presenza degli autovelox.

Fino ad oggi, in Germania era vietato l’uso di dispositivi creati appositamente per rivelare i sistemi di rilevamento della velocità. Ma poiché gli smartphone e i navigatori satellitari non sono costruiti appositamente con questo scopo si potevano usare come supporto alla guida, anche utilizzando app e notifiche che segnalavano la presenza di autovelox. Ora, però, il nuovo regolamento chiarisce che tutti i sistemi che offrono avvisi sulla presenza dei rilevatori di velocità devono essere disattivati in quanto diventati illegali. Quindi, chi ha attivato tali notifiche sul proprio navigatore, ma anche chi usa sull proprio smartphone app come Google Maps o Waze, dovrà disattivare l’avviso degli autovelox, pena una multa da 75 euro.

TomTom e Garmin, che nelle loro mappe integrano la segnalazione degli autovelox, hanno già iniziato ad inviare e-mail ai propri clienti, facendo presente che la Germania ha vietato tali avvisi e invitando le persone a disattivarli qualora si recassero nel Paese.

Anche se ci risulta difficile capire come la polizia possa verificare ciò, ricordatevi di disattivare queste notifiche dai vostri navigatori se vi recate in Germania.

1/13
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimi articoli